Home   SpecialeFeste

Copyright © Charlieonline.it 2002 - 2017
Tutti i diritti riservati


Le ricette di Carnevale

di charlieonline.it

Zippulas 1


Dolce tipico di Carnevale della Sardegna
Ingredienti: 750 gr di farina, 3 uova, 10 gr di sale, 250 gr di latte, 250 gr d'acqua, 30 gr di lievito di birra, 100 gr di patate lesse, 2 arance, 2 limoni, 2 bustine di zafferano, acquavite, olio per friggere, zucchero
Preparazione: In una terrina sbattere le uova intere con la forchetta, aggiungere il sale, l'acqua, le patate lesse macinate, la farina, la buccia grattugiata delle arance e dei limoni messa a macerare in precedenza in mezzo bicchiere di acquavite , il succo di 1 arancia, lo zafferano e il lievito, ambedue sciolti nel latte tiepido. Impastare bene e a lungo, poi conservare in un luogo caldo finché non sarà raddoppiato di volume e liquido con una consistenza densa e spumosa. Quando l'olio è ben caldo prelevare il composto con un mestolo e versarlo in un imbuto con un foro di circa 1 cm e 1/2 di larghezza, facendolo colare con movimento costante a spirale, dal centro della casseruola verso i bordi, rigirandola con una forchetta quando è dorata e mettere a sgocciolare su carta assorbente. Cospargere di zucchero e servire le zippole ben calde.
Variante: - Villacidro al posto dell'acquavite, 3 mandarini al posto delle arance


Anicini 1 


Ingredienti: 1 kg di farina, 4 uova, 2 bicchieri di olio di semi, 400 gr di zucchero, 30 gr di semi di anice, 2 cucchiaini di bicarbonato, 2 cucchiaini di cremortartaro (si compra in farmacia), 2 bicchieri di Vermouth
Preparazione: In una terrina, mescolare tutti gli ingredienti fino a che tutto sia morbido ed omogeneo, quindi preparare delle strisce di pasta di larghezza 8-10 cm. Nel frattempo scaldare il forno a 180°. Ungere una teglia e infarinare per bene e poggiarvi le strisce di composto segnando ogni 2 cm circa per il taglio. Quando sono ben dorate, togliere dal forno e tagliare dove avete fatto i segni. Quindi rimettete gli anicini nella teglia dalla parte tagliata Infornare e fatte dorare le parti dove sono stati tagliati, girandole all'occorrenza. Si mangiano freddi


Zippulas 2


Ingredienti: 1kg di farina, 300 gr di zucchero, 250 gr di latte, 2 uova, 2 patate lesse, 2 arance, 30 gr di lievito di birra, 1 bustina di zafferano, 1 bicchierino di fillu 'e ferru(acquavite sarda), sale e olio per friggere
Preparazione: Lessare le patate, sbucciarle, schiacciarle per bene, quindi metterle in una terrina. Unite la farina, le uova, la buccia grattugiata e il succo delle arance, lo zafferano tostato e il lievito sciolti nel latte tiepido, il fillu 'e ferru e sale qb. Impastate bene e a lungo, così da ottenere un impasto morbido ed elastico, poi copritelo con un panno e lasciate che raddoppi il suo volume. Fate scaldare l'olio in una padella per fritti e quando è ben caldo, con le mani bagnate in acqua tiepida un po' salata, staccate dall'impasto, ormai lievitato, dei pezzetti di pasta e modellateli a ciambella, avendo cura di praticare un foro al centro. Fate cuocere da entrambi i lati, scolate, passate nello zucchero e servite subito.
Variante: - Villacidro al posto al posto del fillu 'e ferru


Zippulas 3


Ingredienti: 1 kg di farina, 250 gr di patate, 100 gr di strutto, 4 tuorli d'uovo, un arancia grattugiata, il succo di 2 arance, 30 gr di lievito di birra, 1 bustina di vanillina, 1 bicchierino di acquavite, zafferano, latte, acqua, sale, olio e zucchero
Preparazione: Lessate le patate e passatele al setaccio, mettetele poi in una spianatoia e lavoratele insieme alla farina, un pizzico di sale, la buccia di un'arancia grattugiata e tanta acqua e latte in parti uguali, quanta ne serve per ottenere un impasto morbido. Mettere quindi l'impasto in una terrina e continuate a lavorarlo amalgamando, poco alla volta, lo zucchero sciolto in poco latte, il lievito sciolto in poco acqua tiepida, il succo delle arance, un pizzico abbondante di zafferano polverizzato e la vanillina. Quando avete ottenuto un impasto omogeneo e cremoso, copritelo e lasciatelo lievitare in un luogo caldo e asciutto per qualche ora. Quando l'olio è ben caldo prelevare il composto con un mestolo e versarlo in un imbuto con un foro di almeno 2 cm di diametro, facendolo colare con movimento costante a spirale, dal centro della casseruola verso i bordi, rigirandola con una forchetta quando è dorata e mettere a sgocciolare su carta assorbente. Cospargere di zucchero e servire ancora calde.
Variante: - Villacidro o Cognac al posto dell'acquavite


Zippulas 4


Ingredienti: i kg di farina, 6 uova, 200 gr di zucchero, un bicchiere di succo di arancia e i di succo di limone. 1/2 l di latte, 3 patate medie lessate e schiacciate, 30 gr di lievito di birra, 2 bustine di zafferano, 1 noce di burro, un bicchierino di acquavite, un pizzico di sale, olio per friggere
Preparazione: Amalgamare bene 3 uova intere più 3 tuorli con lo zucchero. Montare i 3 albumi rimasti a neve con un pizzico di sale e sciogliere il lievito di birra nel latte leggermente tiepido. Mescolare bene le uova montate a neve con le altre uova, lo zucchero e le patate schiacciate o passate nel settaccio e il latte. Aggiungere la farina lentamente, il burro e i succhi dell'arancia e del limone. Lavorare fino ad ottenere un composto morbido, coprire e lasciare lievitare per circa 1 ora in un luogo caldo e asciutto. Preparare le zippole a mo' di ciambelle e friggere in olio bollente. Servire ben calde, passandole prima nello zucchero.
Variante: - Maraschino al posto dell'acquavite


Trizzas op. Orulettas


Dolce tipico di Carnevale della zona di Nuoro
Ingredienti: 3 uova, 300 gr di farina, 50 gr di strutto, la scorza di un arancio grattugiata, acqua, un pizzico di sale, Miele Sardo
Preparazione: Unire le uova, la farina, lo strutto e il pizzico di sale con l’aggiunta di un po' acqua, mescolare per bene fino ad ottenere un impasto omogeneo dal quale si deve ottenere poi una sfoglia molto sottile spianandola col mattarello. Quindi tagliare la pasta in strisce della larghezza di circa 2 cm con l’ausilio di una rotella per pasticcere. La pasta così tagliata viene lavorata in modo tale da dare al dolce la caratteristica forma a treccia unita poi alle estremità. Friggere le forme ottenute nell'olio bollente e lasciare raffreddare. Nel frattempo in un recipiente con le pareti basse, sciogliere il miele a fuoco lento con l’aggiunta di un po' d’acqua e la scorza d’arancio grattugiata. Quindi immergere le Origliette nel recipiente, tenendolo sempre sulla fiamma per impedirne la condensazione, e girarle in modo tale da essere ricoperte in tutti i lati da uno strato sottile di miele. Il dolce viene lasciato raffreddare prima della consumazione. La pasta fritta ha lunghi tempi di conservazione.
NB. Il sapore delle Trizzas quando ancora non sono state ripassate nel miele è simile a quello dei tradizionali dolci di Carnevale denominati Chiacchiere


Acciuleddi


Dolcetti tipici della Gallura, preparati in occasione del carnevale. Sono dolci profumati col miele e la scorza di arancia; il termine “acciuledda” in gallurese significa “matassina”
Ingredienti: 1 chilo di farina, 200 grammi di strutto, 1 arancia biologica, 200 grammi di miele, Olio extra vergine d’oliva o strutto, acqua
Preparazione:  Impastare la farina con l’acqua tiepida e lo strutto; lavorare per ottenere un impasto morbido e mettere a riposo il composto ottenuto. Fare dei piccoli pezzetti di pasta e arrotolarli sulla spianatoia infarinata, ricavando dei bastoncini lunghi circa 40-50 cm sottili ma non troppo; unire le due estremità dei bastoncini e attrorcigliarli bene su sé stessi. Scaldare l’olio in una padella profonda e mettere a friggere girando fino a indoratura. Quando sono ben colorati, scolarli e metterli su della carta assorbente per fritti e far raffreddare. Nel frattempo scioglere a fiamma bassa il miele, unendo la scorza dell’arancia e mescolare per bene. Intingiere gli acciuleddi nel miele e sistemateli su un vassoio.


Ravioli di mandorle
(cruxiones de mindua, culungiones de pendula)


Dolce tipico di Carnevale della Sardegna.
Ingredienti: • 300 gr di farina, 30 gr di strutto, 300 gr di mandorle, 375 gr di zucchero, 3 uova, 1/2 bicchiere di vino bianco, 1 bicchierino di acquavite, 1 cucchiaio d’acqua di fiori d’arancio, 1 cucchiaio di maraschino, la buccia grattugiata di un limone, sale, miele o zucchero a velo per guarnire .
Preparazione: Impastate la farina con 3 cucchiai di zucchero e un pizzico di sale, aggiungete le uova, lavorate bene l’impasto, unite poco alla volta lo strutto, l’acquavite e il vino, amalgamate bene fino ad ottenere una pasta morbida. Raccoglietela a forma di palla, copritela con un panno da cucina e fatela riposare, in luogo fresco, per 30 minuti. Per il ripieno fate bollire tre etti di zucchero con l’acqua di fiori d’arancio, il maraschino e la buccia grattugiata del limone. Fate addensare sul fuoco, mescolando bene fino a quando il liquido non sarà evaporato. Pelate le mandorle, e tritatele, amalgamatele con lo sciroppo ottenuto e lasciate raffreddare. Prendete la pasta e stendetela con il matterello fino ad ottenere uno strato sottile, ritagliatela dandogli la forma dei ravioli, al centro di ognuno mettete del ripieno e ricoprite con l’altra sfoglia. Friggete i ravioli, nell’olio caldo, una volta dorati scolateli su della carta assorbente da cucina e cospargete subito con del miele o con lo zucchero a velo.
Varianti al ripieno di mandorle, sono la crema pasticcera o la ricotta


Fatti Fritti o Parafrittus


Ingredienti: farina: gr. 500, 3 uova, zucchero: gr. 300, lievito di birra: gr. 25, una arancia, burro: gr. 75, olio di semi, latte: 5 decilitri
Preparazione: In una terrina sciogliete la metà dello zucchero nelle uova, unire il burro, incorporare lentamente la farina, quindi ammorbidite l'impasto con il latte, e unire il lievito sciolto in un po' di latte e la buccia di arancia grattugiata. Amalgamate per bene fino ad ottenere un panetto omogeneo, quindi preparate alcune palline grandi come un mandarino, schiacciatele con le mani, confezionate le ciambelle e lasciate lievitare per un'ora al caldo. Friggete le ciambelle in una padella larga con l'olio, toglietele dal fuoco, scolatele e cospargetele con lo zucchero


Parafrittus 2


Dolce tipico di Carnevale della Sardegna.
Ingredienti: 1 kg di farina 00 , 3 arance gratuggiate, 4 cucchiai di zucchero , 120g di margarina, 4 uova intere, 3 panetti di lievito di birra (75g.), mezzo litro di latte intero, 1 pizzico di sale.
Preparazione: Prendere un recipiente grande, grattugiare le arance, unire le uova e lo zucchero e il pizzico di sale e mescolare per bene; a parte mettere la margarina in un tegamino e far sciogliere senza farla scaldare troppo e in un altro tegamino mettere una parte del mezzo litro di latte farlo scaldare a temperatura di dito e sciogliere il lievito, e man mano aggiungere tutti gli altri ingredienti con la farina e impastare per bene fino a diventare un’ impasto omogeneo.  Coprite con un coperchio o un panno da cucina e una coperta, e lasciar lievitare al caldo per 1 ora. Dopo un’ora cospargere il tavolo di farina, infarinarsi le mani prendere un pezzetto dell’impasto e formare una pallina con il buco per fare delle ciambelle, fino a finire tutto l’impasto. Coprire le ciambelle ottenute con un telo da cucina e lasciar lievitare per un’altra mezz’ora. Nel frattempo mettete a scaldare l’olio per friggere in una padella grande, preparare delle teglie, una con carta di pane per assorbire l’olio e un'altra con lo zucchero per passarci le ciambelle. Si possono mangiare calde o fredde, e se durano si possono anche scaldare nel forno, torneranno fragranti e fresche come appena fatte.

Tube  by  ©Filly

Se trovi qualcosa di tuo gradimento, fammelo sapere
postando un messaggio nei "Contatti" 
Grazie!


Copyright © Charlieonline.it 2002 - 2017
Tutti i diritti riservati

Torna all'inizio

  CSS Valido!