Home  Curiosità  LettereAperte
ProvProverbs   Lo Sapevate Che   Riciclando
Stati Uniti d'America   A True Story   Arzigogoli   Lettere Aperte   Glossario Informatico   Il Computer



~ Lettere Aperte ~


Corrispondenza tra:
Giggi che era ricoverato in ospedale,
e il suo amico Checco, che epistolava con lui per cercare di distrarlo.


~ Lo Sfogo De Giggi Er Filattomico


~ La Risposta De Checco






~ ~ Lo Sfogo De Giggi Er Filattomico ~ ~

Perché so’ incavolato?
Me domanni – de che parlo?
Co’ tutto sto’ parlà del grande accordo
‘sti grandi governanti
me fanno ritornà ‘na gran paura…….
Ma è proprio ‘na cosa indovinata
Levà le bombe atomiche der monno?
Si potessi parlà con Gorbaciov e Reagan
Je direbbe: Aho!
‘namoce piano a smontà ste atomiche!
Stavo a pensà che su ‘sta tera
Semo tutti un branco di incoscenti.
Ma come? C’è voluto tanto,
ma poi l’emo capita:
la bomba ce sarva da la guerra,
e mo’, disgraziati, l’anientamo!
La paura de quello che tutto er monno
Chiama “er giorno dopo”
Ci ha fatto prenne
Tale e tanta santa tremarella
Che de guera atomica
Nessuno più vo’ senti parlà.
Macchè sei matto?!
Qua ‘nun è pè ‘na strage de sordati,
distrugge delle città coll’aroplani,
ma poi alla fin fine chi more more,
e l’antri fanno festa alla Vittoria
e tutto ricomincia come prima.
Coll’atomica no’, questo è impedito
Perché, belli mia, se more tutti,
senza nemmeno vede da che parte arriva.
Tutta la tera è d’un tratto maledetta
Avvelenata dalle radiazioni,
un deserto de macerie
dove ogni barlume d’esistenza è sparito.
E’ questa la paura benedetta
Che l’Atomica ce sarva
De fa una fine distruttiva
Chè peggio assai d’annà morammazzato.
E voi le volete levà ste bombe benedette
Che a noi ragazzi matti
Fanno da mamme bone?
Ma nun li vedete intorno a voi
Quanti so che ancora adesso
Giocano alla guerra,
con caterve de morti e ricchezze sperperate?
‘Gni tanto, troppo spesso, d’ognidove,
sarta fori un fregno
che a un artro fregno je domanna:
Che ce l’hai l’atomica? – No –
E io nemmeno. Bene.
Famo la guerra allora convenzionale!
Nun disturbamo troppo li vicini,
e tra noi chi più n’ammazza
più è proclamato eroe.
Aerei come draghi,
carri armati come liofanti imbizzariti,
razzi che manco l’Etna incavolata,
e cannoni e focili d’ogni calibro
de tutte le invenzioni
sparano come ‘na conea
de vipere e scorpioni incolleriti
d’ogni parte schizzano veleni all’impazzata.
E nun li vedi in TV
Li morti a mucchi
Che te fanno passà ….. la voja de magnà?
Guerre dimenticate, dicono,
guerricciole …. che nun finiscon più
o anche se finiscono
se prolungheno sempre
in quarche modo tanto
che nun capischi più dove se fanno:
"In America, in Asia oppuro n'Africa,
appetto a noi, o dentro casa nostra,
e se vorrebbe che chi ammazza innocenti
a sangue freddo, donne e bambini
nun fosse un assassino ma perché terrorista
fosse da considerà sordato ………..
e Fiumicino nostro nun è più a raporto,
è diventeto campo de battaja.
E' questa la paura mia:
semo già a tenti con le bomba
che fa da sentinella,
se levano la bomba, er monno
se fa tutto un putiferio!
Eh, no, ragionamo un po'!
Mo' che avemo la pauragiusta
Dovemo adopralla per er mejo:
intanto la bomba resta,
e visto che so l'altre guere
quelle che se ponno propagà
se capisce che so l'altr'armi
quelle da levà si nun voi
che tutto er monno si
'no scannatojo orrendo:
Questa mia è la battaglia giusta…….
…….. Come? Me dichi che mo'
voglio la guerra anch'io?
Carma, mo te spiego e vedrai
Che me derai ragione.
Ma tu nun li leggi li giornali?
Nun hai visto in mano
De che combutt se trovamo?
Chi, su ste stragi, ce magna,
 ce beve, ce s'ingrassa?
Sordi a palate, vita da nababbi,
stecchi de donne e omeni de Stato:
Er fiore, la crema, l'Onorata Società!
Miliardari con barche, ville, aerei
Che so' sorpresi quanno,
poverini, se ritrova
un quarche magistrato tosto
che scopre, nun l'avresti immaginato,
che er cliente …………….
Con la droga salvava l'arretrato.
Innocentini belli, loro,
la guerra nun la fanno,
loro nun sanno dove vanno a finì
coi bolli e le carte regolari
gli arsenali immensi
che quarcuno je compra
perché ha voja de scherzà!
Ma famola finita, sta porcata!
Coll'atomiche la guerra nun se fa,
e coll'altr'armi, quelle……
convenzionali un corno, 'tacci loro,
che dovemo falla finita alla bonora.
E nun perché Mosca fà la minchionata
Che da la caccia
A traficanti, spie, corsari
Impuniti, assassini e 007,
zohettola, so, stracci
lassamoli pel cinema
dove ce fanno divertì.
Miramo ar core der problema
Le fabriche dell'armi, subito proibite.
Finite, basta, chiuse
Perché la razza de Caino
Prenne inizio da chi l'armi le fa
E pronte all'uso, come peste
Le dissemina pel monno.
'Na bona vorta proclamamelo
pe' tutte chiaro chiaro:
i traficanti d'armi so dei mostri
e hanno d'annà
moriammazzati sur momento.
A cose fatte, ner monno ripulito,
lassate solo l'Atomica spilungona,
bona, bona, piantata nei giardini,
tra le ajole, per conservà
la fifa benedetta che serve
a garanì la Pace su sta tera.
Questo vedi je direbbe
Ai bravi Reagan e Gorbaciov:
se fate questo anime sante,
er monno diventa subito mijore,
l'omini e le donne felici
tutti insieme e voi pe' primi,
pe'mlavà un'onta che starà in eterno,
annamo a portà un fiore
a Eroshima e a Nagasaki
pe' dijelo che con loro se sentimo
armeno debitori della Pace e …… della Vita.
Fto Giggi
 19.9.1987


Torna all'inizio






















~ ~ La Risposta De Checco ~ ~

Mio carissimo Giggetto,
ripensanno a quer ch'ai detto
sulla bomba nucleare,
a me proprio nun me pare
tanto giusto quer concetto
de Lascialla ner cassetto
co' lo scopo deterrente
de Sarvà tutta la gente
da un macello generale.
Dici: "Se venisse usata
Stessa sorte riservata
Sarebbe, senz'alcuna distinzione,
tanto ar Servo che ar Padrone."
E' lo stesso megatone
Che t'avverte "Fa' attenzione!"
Chi direbbe me n'infischio?
Chi vorrebbe corre er rischio?
Secondo er mio parere
'sto discorso fo' valere
nelli scontri tra vicini
pe' ragione de confini,
nelle guerre ragionate.
E allora?
De vorebbe un Tribunale
D'elezione universale,
co' 'na sola competenza
 -"revocare la licenza
de cui gode er fabbricante
d'ogni arma, sia pesante
che leggera, a lungo o a corto raggio,
sia per mare che per tera,
dietro pena senz'appello
der taglio de l' …………… o"-
Così, quella nazione
ch'avesse l'intenzione
de risorve ogni vertenza
cor progresso de la scienza
che rende er debole più forte
atto a seminà la morte,
lo facene ma ad un prezzo conveniente
com'era in uso anticamente:
in maniera semplice e franca;
combatesse all'arma bianca.
Io intendo un magistrato
co' potere illimitato,
no allo stesso che da noi
nelle guerre limitate,
quanno mosse so' le masse
da questioni d'interesse.
Ma supponiamo un momentino
Che la mano der destino
(come già c'è capitato)
ponga a capo d'uno Stato
un pazzo, un esaltato
tipo Hitler, Mussolini,
Gheddafi, Khomeini,
che credennose latore
der volere der Signore
e pe' questo destinato
a dominà tutt'er creato,
se sognasse ch'er suo impero
foss'esteso ar mondo intero;
che sognasse la vittoria
pe' restare nella storia.
Questo mostra chiaramente
Che spesso un delinquente,
un antidemocratico,
resta ar popolo 'si simpatico
de fa' come je pare
cor consenso popolare,
fino a spigne la Nazione
verso l'orlo d'un burrone.
Quanno poi la sventura
Fa scoprì la fregatura,
er tiranno che capisce
che le cose nun so' lisce,
ch'ha perso la partita,
che pe' lui ormai è finita,
chi te dice che pe' ripicca,
come fece Pietro Micca
per un fine superiore
(no perch'era dittatore),
pure lui come pe' gioco
cor cerino nun da' foco,
aprendo la sua tomba,
alla miccia d'una bomba
custodita in arsenale
pe' difesa nazionale?
Che succede?
Nello spazio d'un minuto
Scoppia er monno e te saluto.
No! Finì come er filisdeo
Pe' la corpa d'un babbeo
Te lo dico francemente
nun me va proprio pe' gnente.
Su 'sto tema d'armamenti,
o de droga, de proventi
d'intrallazzi, d'imbroglioni
che la fanno da padroni,
deve applicà le norme
che a furia de riforme
dan ragione all'imputato,
per cui er giudice è obbligato
de sospenne li processi
a la barba de li fessi.
Basta! M'hai preso pe' la mano
E m'hai spinto più lontano
De quanno pe' le scale
me guidavi sopra l'ale
della storia der passato.
Ciao, Giggè, sai che faccio?
Te saluto co' n'abbraccio
fto Checco

Torna all'inizio



If you like write a message to my "Contatti"
Se hai dubbi o ti servono chiarimenti posta un messaggio nei "Contatti"

Home
Copyright © Charlieonline.it 2002 - 2018
Tutti i diritti riservati
www.charlieonline.it

Torna all'inizio
  CSS Valido!

Licenza Creative Commons
Questo Sito è pubblicato sotto una Licenza (This website is licensed under a)
Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 2.5 Italia License
.